Felci Fagnano Olona

.....sul recupero del senso di cittadinanza
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
"pensare alle cose come potrebbero essere, non come sono"
Amministrative 2009
Il Candidato Sindaco
La Lista dei Candidati
Il Programma
In Breve (VIDEO)
Come si vota
I Risultati
Contatti
felcifagnanoolona@gmail.com
Ultimi argomenti
» Consiglio Comunale 21/07/09 – 1
Mar Lug 14, 2009 9:20 pm Da gnarif

» Il Comune di Olgiate Olona vara il Piano Anti Crisi
Mar Lug 14, 2009 9:01 pm Da gnarif

» Consiglio Comunale 29/06/09 – 1
Mar Giu 30, 2009 11:03 pm Da gnarif

» Busto Arsizio - Il centro riciclo fa breccia nel Pdl
Dom Giu 21, 2009 1:41 pm Da gnarif

» Dalla Pedemontana il rischio inceneritore
Sab Giu 20, 2009 8:05 am Da gnarif

» Consiglio Comunale - seduta straordinaria di 1^ convocazione
Gio Giu 18, 2009 7:49 pm Da gnarif

» Chiuso per rettifica
Dom Giu 14, 2009 8:58 pm Da gnarif

» Le assemblee sulla Pedemontana fanno il pieno di "dubbi"
Ven Giu 12, 2009 8:12 pm Da gnarif

» PA digitale: nuove norme, vecchi errori?
Sab Giu 06, 2009 8:38 am Da gnarif

Parole chiave

Condividi | 
 

 Uso del territorio, edilizia, urbanistica

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Attività sul forum: Alta
Attività sul forum: Alta
avatar

Numero di messaggi : 50
Data d'iscrizione : 21.01.09

MessaggioTitolo: Uso del territorio, edilizia, urbanistica   Sab Mag 09, 2009 9:06 am

Quanto è importante la partecipazione della società civile ai processi e alle decisioni che portano le pubbliche amministrazioni a modificare il volto delle città? Molto. Bisogna portare avanti con cittadini, associazioni e rappresentanti del mondo economico e sociale, un lungo e articolato confronto pubblico sulle strategie di trasformazione urbanistica della città.

1. Espansione e valorizzazione del verde urbano
2. Impatto ambientale
3. Acque piovane
4. Controllo del PRG
5. Ristrutturazioni
6. Pannelli solari
7. Edilizia a basso impatto ambientale
8. Legge 366/98 e 472/99

Valorizzazione dei parchi e giardini esistenti, espansione del verde urbano nell’ottica di una riduzione dello squilibrio complessivo tra inorganico e organico, con fissazione di percentuali annue di incremento, al fine di: migliorare i microclimi urbani, aumentare l’alimentazione delle falde idriche riducendo l’impermeabilizzazione dei suoli, potenziare la fotosintesi clorofilliana per incrementare l’assorbimento CO2.

Inseriremo la valutazione strategica OBBLIGATORIA dell’impatto ambientale per qualsiasi intervento sul territorio

Nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni: obbligo del doppio circuito con acqua potabile per gli usi alimentari e non potabile per gli altri usi. Recupero delle acque piovane canalizzando i flussi delle grondaie in serbatoi di accumulo per sciacquoni e irrigazione.

Controllo sul rispetto delle norme e delle regole previste dal PRG

Incentivare il recupero delle strutture esistenti. Blocco delle aree di espansione edilizia nei piani regolatori delle aree urbane. Incentivazione delle ristrutturazioni qualitative ed energetiche del patrimonio edilizio esistente. Concessioni di licenze edilizie soltanto per demolizioni e ricostruzioni di edifici civili o per cambi di destinazioni d’uso di aree industriali dimesse, previa destinazione di una parte di esse a verde pubblico.

Ogni nuova abitazione costruita deve fungere da esempio! Obbligo di installazione di pannelli solari, sia fotovoltaici che termici, sui nuovi edifici. È importante precisare che l'obbligo di installare pannelli sui nuovi edifici è già previsto per legge nazionale. Per quanto riguarda i fotovoltaici, infatti, la legge 244/2007 (Finanziaria 2007) precisa l’obbligo di installare almeno 1 kW sugli edifici residenziali e 5 kW sugli industriali; questo obbligo è stato però prorogato al 1 gennaio 2010 dal decreto “milleproroghe”. Per quanto riguarda i pannelli solari termici, invece, questo obbligo è già in vigore dal 2006, ma anche in questo caso, la stessa legge demanda poi a successivi decreti attuativi mai pubblicati.

Incentivare l'edilizia a basso impatto ambientale

Applicazione delle leggi che promuovono l'utilizzo del trasporto alternativo. In particolare la legge 366/98 (Norme per il finanziamento della mobilità ciclistica) che impone di costruire una pista ciclabile quando si costruisce una nuova strada o quando si esegue la manutenzione su quelle esistenti e la legge 472/99 che destina il 10% delle multe al trasporto alternativo.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://felcifagnanoolona.forumattivo.it
 
Uso del territorio, edilizia, urbanistica
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ONLUS: vi sguinzaglio sul territorio per avere indirizzi giusti
» [DOCUMENTI] Quando va l’edilizia, va il Paese - Carpentieri coraggiosi
» GIO 21 - C430 - Laboratorio tecnologico per l'Edilizia ed esercitazioni di Topografia

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Felci Fagnano Olona :: Chi Siamo :: Il Programma-
Vai verso: