Felci Fagnano Olona

.....sul recupero del senso di cittadinanza
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
"pensare alle cose come potrebbero essere, non come sono"
Amministrative 2009
Il Candidato Sindaco
La Lista dei Candidati
Il Programma
In Breve (VIDEO)
Come si vota
I Risultati
Contatti
felcifagnanoolona@gmail.com
Ultimi argomenti
» Consiglio Comunale 21/07/09 – 1
Mar Lug 14, 2009 9:20 pm Da gnarif

» Il Comune di Olgiate Olona vara il Piano Anti Crisi
Mar Lug 14, 2009 9:01 pm Da gnarif

» Consiglio Comunale 29/06/09 – 1
Mar Giu 30, 2009 11:03 pm Da gnarif

» Busto Arsizio - Il centro riciclo fa breccia nel Pdl
Dom Giu 21, 2009 1:41 pm Da gnarif

» Dalla Pedemontana il rischio inceneritore
Sab Giu 20, 2009 8:05 am Da gnarif

» Consiglio Comunale - seduta straordinaria di 1^ convocazione
Gio Giu 18, 2009 7:49 pm Da gnarif

» Chiuso per rettifica
Dom Giu 14, 2009 8:58 pm Da gnarif

» Le assemblee sulla Pedemontana fanno il pieno di "dubbi"
Ven Giu 12, 2009 8:12 pm Da gnarif

» PA digitale: nuove norme, vecchi errori?
Sab Giu 06, 2009 8:38 am Da gnarif

Parole chiave

Condividi | 
 

 M'illumino di meno 2009

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Attività sul forum: Alta
Attività sul forum: Alta
avatar

Numero di messaggi : 50
Data d'iscrizione : 21.01.09

MessaggioTitolo: M'illumino di meno 2009   Ven Gen 30, 2009 9:07 pm

Giornata del Risparmio Energetico

- 13 febbraio 2009 -

Per il quinto anno consecutivo Caterpillar lancia per il 13 febbraio 2009 M’illumino di meno, la grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico.

Dopo il successo delle passate edizioni, i conduttori Cirri e Solibello chiederanno nuovamente agli ascoltatori di dimostrare che esiste un enorme, gratuito e sotto utilizzato giacimento di energia pulita: il risparmio. L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere luci e dispositivi elettrici non indispensabili il 13 febbraio 2009 dalle ore 18.

Nelle precedenti edizioni M’illumino di meno ha contagiato milioni di persone impegnate in un’allegra e coinvolgente gara etica di buone pratiche ambientali. Semplici cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, società sportive, istituzioni, associazioni di volontariato, università, commercianti e artigiani hanno aderito, ciascuno a proprio modo, alla Giornata del Risparmio. Lo scorso anno il “silenzio energetico” coinvolse simbolicamente le piazze principali in Italia e in Europa: a Roma il Colosseo, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, Montecitorio e Palazzo Madama, a Verona l’Arena, a Torino la Basilica di Superga, a Venezia Piazza San Marco, a Firenze Palazzo Vecchio, a Napoli il Maschio Angioino, a Bologna Piazza Maggiore, a Milano il Duomo e Piazza della Scala ma anche Parigi, Londra, Vienna, Atene, Barcellona, Dublino, Edimburgo, Palma de Mallorca, Lubiana si sono “illuminate di meno”, come altre decine di città in Germania, in Spagna, in Inghilterra, in Romania.

Anche grazie al contributo di ANCI e ANPCI nella diffusione capillare dell’iniziativa, molte città italiane si sono mobilitate per coinvolgere i comuni gemellati all’estero: un passaparola virtuoso che ha consentito di spegnere luci davvero in ogni parte del mondo. Dopo il successo europeo dell’edizione 2008, per il 2009 vorremmo dar spazio non solo alle istituzioni ma anche ai cittadini d’Europa, invitando tutti, insegnanti, sportivi, professionisti, associazioni, a creare gemellaggi inediti tra categorie o tra singoli individui diffondendo la campagna di sensibilizzazione oltre confine.

La campagna di M’illumino di meno 2009, che ha ottenuto il patrocinio del Parlamento europeo per il secondo anno consecutivo, inizia il 12 gennaio e si protrarrà fino al 13 febbraio, dando voce al racconto delle idee più interessanti e innovative, in Italia e all’estero, per razionalizzare i consumi d’energia e di risorse, dai piccoli gesti quotidiani agli accorgimenti tecnici che ognuno può declinare a proprio modo per tagliare gli sprechi.

Sul sito è possibile aderire all’iniziativa, precisando quali iniziative concrete si metteranno in atto nel corso della giornata, in modo che le idee più interessanti e innovative servano da esempio e possano essere riprodotte. Nella sezione INNO si può scaricare il brano di Frankie HI NRG MC, colonna sonora ufficiale di M’illumino di meno, e reinterpretarlo a piacimento inviandoci il risultato delle vostre rielaborazioni.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://felcifagnanoolona.forumattivo.it
gnarif
Attività sul forum: Alta
Attività sul forum: Alta
avatar

Numero di messaggi : 96
Data d'iscrizione : 22.01.09

MessaggioTitolo: Re: M'illumino di meno 2009   Mer Feb 04, 2009 11:36 pm

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://felcifagnanoolona.forumattivo.it/i-candidati-f38/10-messo
gnarif
Attività sul forum: Alta
Attività sul forum: Alta
avatar

Numero di messaggi : 96
Data d'iscrizione : 22.01.09

MessaggioTitolo: Re: M'illumino di meno 2009   Ven Feb 13, 2009 10:42 pm

http://www3.varesenews.it/varese/articolo.php?id=133129

Varese
-
Cieli troppo illuminati causano spreco di risorse, danno alla ricerca
scientifica e all'ambiente e violano normative che puntano al
ripristino dell'equilibrio. Qualche riflesisone dall'osservatorio
Schiaparelli
Risparmio energetico e inquinamento luminoso: una nuova cultura

Definizione: è inquinamento luminoso
dell’atmosfera ogni forma di irradiazione di luce artificiale che si
disperda al di fuori delle aree a cui essa è funzionalmente dedicata e,
in particolar modo, se orientata al di sopra della linea dell’orizzonte.


In presenza di inquinamento, è risaputo, c’è sempre un
prezzo più o meno alto da pagare sia in termini di qualità della vita
sia per i costi sociali del risanamento ambientale e degli oneri
igienico sanitari. Quando si parla o si scrive che la luce può
inquinare che significa? Significa che una tra le più grandiose
invenzioni del genio umano non viene usata in modo corretto. L’uso corretto è quello di illuminare diffusamente e non sovrailluminare, tanto meno a macchia di leopardo, i luoghi che lo necessitano, ad esempio strade, marciapiedi, piazze e altri luoghi che, a partire dal crepuscolo, devono consentire sicurezza e comodità di passo all’esterno ed una buona illuminazione all’interno delle case. Ciò perché l’energia elettrica è una risorsa che non va sprecata.

Fin
qui siamo tutti d’accordo, intendo tutti i cittadini che fruiscono del
servizio di distribuzione luce o gli Amministratori che devono fornire
il servizio della illuminazione pubblica. In ogni caso sono sempre i
cittadini che pagano. Ottime ragioni per utilizzare al meglio questo bene prezioso che si esprime in Watt e in euro.

Esistono
luoghi, paesi e periferie di città che non hanno luce sufficiente e
dall’altra parte esistono coloro (Enti pubblici e privati) che
ignorando le leggi in vigore anzi in violazione alle leggi stesse, utilizzano prodotti illuminanti a tecnologia obsoleta che disperdono in cielo luce di cui il cielo e le nuvole certo non abbisognano.

Madre Natura ha stabilito il giorno per le necessità vitali di tutte le creature e
ha voluto la notte e il buio per il riposo e per la vita di altre
creature che nel buio traggono il loro sostentamento. Del buio
approfittarono i primi idolatri degli astri, poi gli astrologi ed
infine gli astrofisici. Questi ultimi usando strumenti sempre più
sofisticati hanno scoperto nel cielo buio oggetti e paesaggi di
incommensurabile importanza per il progresso della conoscenza e
l’esplorazione dello spazio.

La legge regionale lombarda 27 marzo 2000 n. 17 e successive modificazioni e quelle di molte altre regioni intendono
tra l’altro, tutelare territorialmente gli osservatori astronomici. In
queste leggi si unisce il risparmio energetico al contenimento
dell’inquinamento luminoso, considerando che, si ha
inquinamento del cielo quando si altera la condizione di visibilità di
uno scenario che da millenni è fonte di curiosità scientifica e di
contemplazione:
l’universo stellato.

L’Unesco nella sua Dichiarazione Universale dei diritti delle generazioni future ammonisce: occorre conservare visibile il cielo notturno alle future generazioni quale patrimonio culturale dell’Umanità.








Venerdi 13 Febbraio 2009
a cura di Adriana Manetta Galli - osservatorio "Schiaparelli" - Varese
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://felcifagnanoolona.forumattivo.it/i-candidati-f38/10-messo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: M'illumino di meno 2009   

Torna in alto Andare in basso
 
M'illumino di meno 2009
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Chiarimento su giorni supplenza e punteggio
» Perdente posto: condizionare o meno la domanda e altri quesiti.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Felci Fagnano Olona :: Letture Utili-
Vai verso: